Crea sito

Città Metropolitana di Torino: Dal 4 maggio al 21 luglio ritorna la rassegna Organalia 2019

ORGANALIA RICOMINCIA IL 4 MAGGIO DALLA CHIESA DEL COTTOLENGO A TORINO

Dal 4 maggio al 21 luglio torna il circuito concertistico Organalia, che nel 2019 proporrà diciannove appuntamentiin quattro aree: Ciriacese e Basso Canavese, Moncalierese, Canavese e Valli di Lanzo, Ceronda e Casternone. L’apertura sarà come di consueto a Torino, con un concerto nella grandiosa chiesa del Cottolengo, dove sarà eseguita la Missa Secunda Pontificalis di Lorenzo Perosi, paladino della Riforma Ceciliana.

Il circuito porterà poi il pubblico alla scoperta o alla riscoperta di San Maurizio Canavese con due appuntamenti nella chiesa Plebana e nella parrocchiale, di Ciriè, di Moncalieri con due concerti nella Collegiata di Santa Maria della Scala, di Ivrea con due serate al Sacro Cuore e in San Lorenzo. Il circuito farà anche tappa a Caluso, San Carlo Canavese, Strambino, Nole, San Francesco al Campo e Pavone Canavese, dove verrà inaugurato il restauro dell’organo Felice e Giacomo Vegezzi Bossi. Infine Organalia sarà a Fiano, Ala di Stura, Coassolo Torinese e Corio, per poi concludere l’edizione 2019 a Mezzenile.

Di livello internazionale tutti gli interpreti: Corale Polifonica di Sommariva Bosco, Marco Limone, Adriano Popolani, Accademia del Ricercare, Roberto Cognazzo, Coro della Cattedrale di Vercelli, monsignor Denis Silano, Carlo Montalenti, Silvano Rodi, Fabio Rinaudo, Aure Placide, Diego Cannizzaro, Dominika Zamara, Zuzana Bator, Giancarlo Parodi, Coro Gregoriano, Maurizio Fornero, Daniele Greco D’Alceo, Ercole Ceretta, Massimo Gabba, Andrea Chezzi, Silvia Colli, Paolo Tarizzo, Danilo Putrino, Gabriele Giacomelli, Andrea Banaudi, Stefano Marino, Francesca Rotondo, Claudia Nicole Bandera, Andrea Vannucchi, Stefano Pellini, Pietro Tagliaferri, Gianluca Cagnani. I programmi comprendono tutta la storia della musica, dal canto gregoriano ai giorni nostri, passando attraverso la musica rinascimentale e barocca, il primo Ottocento e l’esperienza ceciliana. Organalia è un progetto della Città Metropolitana di Torino sostenuto dalla Fondazione CRTcon il patrocinio della Regione Piemonte e del Consiglio Regionale del Piemonte.

I programmi completi dei concerti saranno presto consultabili nel portale Internet www.organalia.org


“ORGANALIA” FA TAPPA A COASSOLO E CORIO. LA CONCLUSIONE DOMENICA 21 LUGLIO A MEZZENILE

Il circuito “Organalia nelle Valli di Lanzo, Ceronda e Casternone” prosegue sabato 13 luglio nella chiesa parrocchiale di San Nicolao a Coassolo Torinese con il concerto “Dal Barocco ai fremiti del Risorgimento”. L’organista Andrea Vannucchi, titolare della cattedra di Teoria, ritmica e percezione musicale al Conservatorio di Perugia, proporrà pagine di Bernardo Pasquini (Toccata in Re), Domenico Scarlatti (Sonata in Re maggiore k. 430, Sonata in La minore K. 149, Sonata in Do maggiore k. 309, Sonata in Do minore k. 58), Giuseppe Gherardeschi (Offertorio in Bfà, Elevazione in Elafà, Avanti il “Tantum Ergo”, Fuga), padre Davide da Bergamo (Suonatina in Do maggiore), Vincenzo Petrali (Adagio per Voce Umana), Giovanni Quirici (Suonata per l’Offertorio, Suonata per l’Elevazione, Suonata per la Consumazione, Finale per dopo la Messa).

Un viaggio nel Barocco e oltre. I suoni della meraviglia” è invece il titolo del concerto che l’organista Stefano Pellini e il saxofonista Pietro Tagliaferri, che hanno dato vita al progetto musicale “Riverberi”, proporranno nella chiesa parrocchiale di San Genesio Martire a Corio alle 16,30 di domenica 14 luglio, con musiche di Georg Friedrich Händel (Suite II da “Water Music” adattamento per organo di Francesco Geminiani, Concerto opera 4 numero 5 in Fa per organo e orchestra, Suite da “Music for the Royal Fireworks” edizione originale per strumento soprano e basso continuo di Anonimo, Quattro pezzi per orologio meccanico), Arcangelo Corelli (Sonata 2 opera 3), Alessandro Marcello (Concerto in re minore S.Z 799 trascrizione per organo di Johann Sebastian Bach, BWV 974), Anonimo del XVIII sec. (Elevazione) e Niccolò Moretti (Sonata X ad uso Sinfonia).

Il circuito “Organalia nelle Valli di Lanzo, Ceronda e Casternone” si concluderà domenica 21 luglio alle 21 nella chiesa parrocchiale di San Martino Vescovo a Mezzenile. Il programma del concerto “Itinerari del Barocco. Johan Sebastian Bach”, proposto dall’organista Gianluca Cagnani, comprende il “Contrapunctus I” (da L’arte della fuga BWV 1080), “Toccata e Fuga in Fa maggiore” BWV 540, la “Canzona in Re minore” BWV 588, la “Fantasia e Fuga in Do minore” BWV 567, la “Toccata e Fuga in Re minore (Dorica)” BWV 538, “Wachet auf, ruft uns die Stimme” BWV 645, “Wo soll Ich fliehen hin” BWV 646 (Schuebler) e il “Contrapunctus XIV” (da “L’arte della fuga” BWV 1080). Gianluca Cagnani, torinese, è titolare della cattedra di Organo, composizione organistica e improvvisazione al Conservatorio “Giuseppe Verdi” di Torino. Ha tenuto concerti in tutta Europa e in Cina, tiene masterclass e seminari che spaziano dall’opera omnia di Bach al basso continuo, dall’improvvisazione al repertorio antico barocco e del primo romanticismo. Ha fondato recentemente, insieme alla flautista Francesca Odling, la Turin Baroque Orchestra che dirige e con la quale suona anche da solista all’organo e al cembalo. Nel 2018 la Turin Baroque Orchestra ha registrato la “Musicalisches Opfer – Offerta Musicale” BWV 1079 di Bach per l’etichetta Elegia Classics. L’antica chiesa parrocchiale di San Martino, risalente al XVI secolo, venne trasformata quasi interamente tra il 1818 e il 1865. Solo il campanile conserva alcune parti dell’originaria costruzione romanica. La chiesa fu consacrata nel 1868 dal vescovo di Torino. La facciata è una miscellanea di stili, dal rinascimentale al barocco. L’organo costruito da Ponziano Bevilacqua nel 1991 è ubicato in una cappella laterale sul lato sinistro. È stato intonato da Marco Renolfi nel 2013.

Al fine di favorire la più ampia partecipazione del pubblico, tutti i concerti di Organalia sono con ingresso ad libera offerta. Organalia è un progetto della Città Metropolitana di Torino sostenuto dalla Fondazione CRT. Per saperne di più: www.organalia

 

Ti potrebbe interessare anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *