Crea sito

Torino: Ciclo di incontri di confronto e formazione sulla gestione dei conflitti nella vita quotidiana, tra il 6 aprile e il 23 novembre 2016

L’Associazione Me.Dia.Re organizza il

CICLO DI INCONTRI DI CONFRONTO E FORMAZIONE

SULLA GESTIONE DEI CONFLITTI NELLA VITA QUOTIDIANA

6 aprile 2016 > 23 novembre 2016

Presso la sede dell’Associazione Me.Dia.Re in Via Buniva 9 Bis/d a Torino
Maggiori informazioni sono disponibili sul sito www-me-dia-re.it

telefonando al numero 33338016574 o scrivendo a [email protected]

 

L’Associazione non profit Me.Dia.Re. propone a Torino il “Ciclo di incontri di confronto e formazione sulla gestione dei conflitti nella vita quotidiana”, un’importante iniziativa che nasce dalla grande esperienza maturata in 14 anni di lavoro gestendo servizi gratuiti di Ascolto, Mediazione dei Conflitti e Sostegno Psicologico, ideando e svolgendo percorsi formativi sulla prevenzione e gestione dei conflitti, nonché realizzando, in convenzione con il Comune di Torino, progetti di supporto psicologico per donne vittime di violenza e per rifugiati e richiedenti asilo adulti e minori.

 

Il “Ciclo di incontri” si svolgerà nel periodo compreso tra il 6 aprile e il 23 novembre 2016 nella sede dell’Associazione Me.Dia.Re. , in Via Buniva 9 Bis/d a Torino, e prevede 10 incontri di due ore l’uno in orario serale, rivolti a chiunque sia interessato ad approfondire il tema. Il percorso è condotto dallo psicoterapeuta Enrico Stefano Tuninetti e dal mediatore Alberto Quattrocolo.

 

Il conflitto ha una valenza fondamentale per la crescita e l’adattamento dell’individuo al contesto in cui vive ed è di cruciale importanza per lo sviluppo dell’identità personale. Il vissuto di chi ne è protagonista può essere assai stressante e creare ansia, sofferenza, rabbia, vergogna, solitudine, senso di inadeguatezza e di impotenza.

A fronte della complessità di tale fenomeno relazionale e sociale, l’obiettivo del ciclo di incontri è quindi quello di fornire strumenti teorici e metodologici sulla gestione dei conflitti e offrire uno spazio per condividere esperienze e strategie attraverso la discussione in gruppo e l’utilizzo di tecniche attive.

 

Si affronteranno in particolare i seguenti aspetti: La comunicazione. Tecniche per comunicare in modo efficace; Il bisogno di riconoscimento; “Se sbaglio io è colpa del mondo, se sbagli tu è colpa tua”(errore fondamentale di attribuzione); La gestione dell’emotività e il concetto di pericolo; La paura della propria e altrui aggressività; Lo stigma del conflitto, l’escalation; La leadership e il rapporto con l’autorità; Il dialogo tra l’immaginario maschile e femminile; Le dinamiche in gruppo; Il conflitto culturale e tra gruppi; Identità e differenze.

Il costo dell’intero percorso è di € 250 + Iva e la scheda d’iscrizione è reperibile in www.me-dia-re.it

 

L’esperienza dell’associazione Me.Dia.Re.

Gestisce in Piemonte diversi Servizi di Ascolto del Cittadino e Mediazione dei Conflitti e Servizi di Sostegno Psicologico per le persone colpite dalla Crisi (Progetto “SOS CRISI”). Inoltre offre Servizi Gratuiti di Sostegno Psicologico per donne vittime di violenza e i loro figli, per le vittime di reato (doloso e colposo) e i loro famigliari, per richiedenti asilo e rifugiati adulti e minori.

Ha formato con 13 corsi di formazione pratica, di 192 ore d’aula, team di Ascolto e Mediazione presso tutte le Aziende Sanitarie Pubbliche delle Regioni Piemonte, Lombardia ed Emilia Romagna. Organizza Master annuali in Mediazione Familiare e dei Conflitti Interpersonali e in Scienze Criminologiche e Vittimologiche e Victim Support.

L’associazione, rispetto all’attività di formazione, è accreditata come Ente Formativo dall’Agenzia Nazionale dei Servizi Sanitari Regionali (AGENAS) per l’Educazione Continua in Medicina, dall’Ordine degli Assistenti Sociali del Piemonte, dal Ministero della Giustizia e dall’Associazione Italiana dei Mediatori Familiari (A.I.Me.F.).

In www.me-dia-re.it è possibile trovare ampi approfondimenti sulle credenziali e su tutte le attività svolte dall’associazione, che nel corso degli anni ha ottenuto importanti riconoscimenti dalle istituzioni, come per esempio il “Premio amico famiglia 2009” dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Ti potrebbe interessare anche...