Crea sito

Torino: In mostra a Palazzo Cisterna le opere di Mario Berrino, il pittore del “Muretto” di Alassio, dal 6 al 20 maggio 2016

DAL 6 AL 20 MAGGIO IN MOSTRA A PALAZZO CISTERNA LE OPERE DI MARIO BERRINO, IL PITTORE DEL “MURETTO” DI ALASSIO, UNA DELLE LOCALITÀ TURISTICHE PIÙ AMATE DAI TORINESI

Alassio 1953: la guerra è ormai un ricordo e il turismo internazionale sta rifiorendo in uno dei borghi più belli del Ponente ligure. A Mario Berrino, pittore e titolare del Caffè Roma, luogo di ritrovo per i turisti che frequentano Alassio, viene l’idea di trasformare “un rustico muricciolo che arginava il giardino pubblico in un susseguirsi di piastrelle irregolari, vivacemente colorate” che avrebbero riportato le firme dei più illustri clienti del suo locale. Berrino sottopone la sua idea allo scrittore Ernest Hemingway, che, per lui, più che un cliente è ormai un amico. L’idea ad Hemingway piace subito e così Berrino sistema  le prime tre piastrelle in ceramica, realizzate dal locale ceramista Pacetti. Insieme alla firma dell’autore di “Addio alle armi”, ci sono quelle dei componenti del Quartetto Cetra e del chitarrista Cosimo Di Ceglie. E’ nato ufficialmente il “Muretto”, che diventerà il munumento simbolo di Alassio nel mondo. Giorno dopo giorno, anno dopo anno, Berrino pone sul Muretto le sue piastrelle colorate che, inizialmente, riportano le firme dei più illustri clienti del Caffè Roma. Con il passare degli anni e con il crescere della popolarità del Muretto, in corso Dante Alighieri lasciano la loro firma le più importanti personalità del cinema, della televisione, della moda, dello spettacolo e dello sport: se ne contano quasi 1.000.

Mario Berrino, al suo Muretto e alla sua produzione pittorica è dedicata la mostra “Un mare di colori”, che sarà visitabile da venerdì 6 maggio a venerdì 20 maggio a Palazzo Dal Pozzo della Cisterna, sede della Città Metropolitana di Torino, in via Maria Vittoria 12. La mostra è organizzata dalla Galleria Berrino, dalla Fondazione Mario Berrino per il Muretto di Alassio e dal Centro Culturale Mario Pannunzio di Torino, con il patrocinio ed il sostegno della Città di Alassio e della Città Metropolitana di Torino.

Il vernissage della mostra è in programma a Palazzo Cisterna giovedì 5 maggio alle 17,30, alla presenza del Sindaco metropolitano Piero Fassino e del pittore Ugo Nespolo, che firmeranno una piastrella che verrà successivamente sistemata nel Muretto. E’ annunciata la presenza all’inaugurazione del Sindaco di Alassio, Enzo Canepa.

UNA VOCAZIONE ARTISTICA NATA FREQUENTANDO I GRANDI NOMI DELLA PITTURA DEL ‘900

La passione di Berrino per la pittura nacque dalla frequentazione con alcuni dei più importanti esponenti del panorama artistico del secondo Novecento. Uno spazio del Caffè Roma, chiamato “La buca del Muretto”, era dedicato all’arte e vi esponevano Wilfredo Lam, Lucio Fontana, Aligi Sassu, Umberto Lilloni, Franco Balan, i ceramisti e gli scultori di Albisola. La loro conoscenza, assieme agli studi artistici del professor Busnelli sulle tecniche dell’acquarello, tempera, encausto e olio, stimolarono Berrino alla ricerca e gli diedero l’impulso per iniziare ad esporre le sue tele. La sua intensa vena creativa si era costantemente alimentata nei viaggi, negli incontri con la gente, nell’affetto, ricambiato, dei suoi fidati amici a quattro zampe e di quello a due zampe, Pedrito, il pappagallo regalatogli da Ernest Hemingway. Di Berrino lo scrittore Piero Chiara ebbe a scrivere che “dipinge a colpi di luce, proiettando sulla tela i colori, sostanza terrestre che diventa immagine per una trasmutazione della quale Mario è l’agente consapevole o il demiurgo incosciente”. Alla fine degli anni ‘60 Berrino tenne Alassio corsi di pittura per allievi americani del Royalton College di Vermont. Dal 1976 l’artista di Alassio si dedicò completamente alla pittura. Membro di varie Accademie, le sue opere figurano in numerose collezioni pubbliche e private. I suoi quadri sono esposti in permanenza nelle sue due gallerie ad Alassio e a Monte Carlo.

TORINO E ALASSIO, UN LEGAME SECOLARE

La retrospettiva torinese di Mario Berrino, scomparso nel 2011 all’età di 90 anni, rientra nel solco dei profondo legami e contatti fra Torino ed Alassio, una delle località turistiche più amate dai torinesi sin dalla fine dell’Ottocento. Ad Alassio ha sede l’Istituto Salesiano Don Bosco, fondato dal Santo sociale torinese per antonomasia nel 1870. Nel cortile del “Don Bosco” una piastrella inaugurata nel 2014 ricorda il capitano Franco Balbis, Medaglia d’oro della Resistenza, fucilato dai nazifascisti al Martinetto nel 1944 . Ad Alassio il torinese Roberto Baldassarre fu per anni direttore della bibliotecva e animatore di eventi culturali, dando vita tra l’altro alla “Biblioteca sol mare”, dedicata al medico e partigiano torinese Renzo Deaglio. Sono molti gli alassini di origini torinesi. Tra gli artisti che scelsero la Baia del Sole per trovare ispirazione vi fu anche Carlo Levi, l’autore di “Cristo si è fermato a Eboli”, a cui è intitolata una pinacoteca che conserva alcune delle sue opere migliori. Dell’assidua frequentazione di Alassio da parte dei torinesi scrisse anche Mario Soldati, in una lettera in cui si legge che “Berrino ha riavvicinato, dopo la tragedia della guerra, i torinesi alla gioia dell’estate che ha eternato nelle sue tele”. Dal 2000 ad Alassio è stata costituita una sezione del Centro Culturale Mario Pannunzio, che ha promoso numerose conferenze su temi di attualità ed ha istituito il Premio “Pannunzio Alassio”.

Ti potrebbe interessare anche...