Crea sito

Itinerari Scozia: La Scozia e il mare

L’itinerario nei particolari
La Scozia e il mare

1° Giorno
Glasgow è il porto di base della Waverley, l’ultima nave a vapore a pale usata per la navigazione in mare rimasta al mondo. Da qui prendete l’autostrada M8 in direzione ovest per raggiungere, presso il centro commerciale di Braehead, il Clydebuilt, un distaccamento dello Scottish Maritime Museum (museo navale scozzese). Proseguite sulla A736 per Irvine, dove lo stesso museo ha numerose imbarcazioni galleggianti.
Dirigetevi quindi verso nord (A78) per Wemyss Bay, da dove prenderete il traghetto per Rothesay sull’isola di Bute.
2° Giorno
Al museo di Bute sono esposti molti oggetti e fotografie dei tempi gloriosi della navigazione a vapore del fiume Clyde. Da qui, con una breve traversata in traghetto fino a Colintraive, sulla costa, potrete godere la vista degli stretti Kyles of Bute (un paradiso per gli appassionati della vela). Portatevi poi verso est sulla B836/A815 fino a Dunoon, altro porto del Clyde, per prendere il traghetto per Gourock, e da qui attraverso il ponte Erskine Bridge raggiungerete Dumbarton.
Qui potrete scoprire l’affascinante Denny Ship Model Experiment Tank, una vasca per esperimenti con modellini di navi.
3° Giorno
Ritornate a Glasgow e da qui seguendo la A82/M80/A80/M876 raggiungete Falkirk. Seguite i segnali stradali per la ruota di Falkirk, un’opera ingegneristica unica nel suo genere. Prendete la M9 verso est, e dirigetevi poi a nord passando per il ponte sull’estuario del Forth, e a North Queensferry visitate il Deep Sea World con la sua spettacolare collezione di squali. Prendete le strade costiere a est attraversando il Fife per visitare i pittoreschi villaggi di pescatori dell’’East Neuk’, e lo Scottish Fisheries Museum ad Anstruther.
Continuate per Crail per visitare il suo porto pittoresco, e dirigetevi a nord per St. Andrews dove, all’acquario cittadino, potrete ammirare meravigliose creature marine. Da qui, attraversato il ponte sull’estuario del Tay, raggiungerete la città di Dundee.
4° Giorno
Dundee ha un notevole passato di cantieri navali, di cacce alla balena, e di esplorazioni. Potrete scoprirlo presso le gallerie McManus e presso il Discovery Point Antarctic Museum, che presenta con grande realismo le avventure degli esploratori polari.
Continuate verso nord lungo la costa, fermandovi ad Arbroath (rinomata per la sua specialità gastronomica Arbroath smokie – un pesce, l’eglefino, aperto e affumicato) e a Montrose, nel museo della quale troverete altri legami con il mare. Proseguendo verso nord incontrerete diversi piccoli porti di pesca sul tratto di costa delle regioni dell’Angus e del Grampian.
Ad Aberdeen il premiato Maritime Museum illustra i molteplici legami con il mare – la pesca, i commerci e il petrolio – della terza città in ordine di grandezza della Scozia.
5° Giorno
Continuate sulle strade costiere per raggiungere Peterhead – il più grande porto di sbarco di pesce bianco d’Europa (a nord della città si trova la Ugie Salmon Fish House, che risale a 400 anni fa, dove viene affumicato il salmone). Ancora più a nord c’è l’affascinante il museo dei fari scozzesi Museum of Scottish Lighthouses, che si trova a
Fraserburgh, un altro importante porto di pesca.
Dirigetevi quindi a ovest lungo la costa dell’estuario del Moray per raggiungere Crovie (antica comunità di pescatori ritagliata in un angolino stretto tra le falesie e il mare) e il porto peschereccio di Macduff con il suo acquario marino che riproduce una barriera di alghe dell’estuario del Moray. Ancora più a ovest potrete visitare Portsoy, nota per il suo porto pittoresco in cui ogni anno si tiene il festival delle imbarcazioni tradizionali. Proseguendo ancora a ovest troverete il villaggio di Sandend dove il pesce viene ancora affumicato con il metodo tradizionale.
6° Giorno
Proseguendo lungo la strada costiera A98, potrete ammirare Cullen, Portknockie e Findochty e le tradizionali e coloratissime case di queste comunità di pescatori, mentre
a Buckie potrete visitare il Buckie Drifter, un museo che illustra la storia della pesca delle aringhe.
Anche la costa settentrionale dell’estuario del Moray ha le sue tradizioni pescherecce, in particolare lungo la penisola Black Isle e nei pressi di Wick. Se avete un po’ di tempo, visitatela, altrimenti dirigetevi verso l’interno e riprendete le strade principali per Edimburgo e per il sud.
La Scozia non è solo tessuti scozzesi e montagne – gran parte delle sue tradizioni sono legate al mare: comunità di pescatori, cantieri navali, vecchi battelli a vapore su cui si possono fare escursioni, e moderni traghetti che collegano le località della costa occidentale. Scoprite questo mondo fatto di corde catramate e reti per la pesca, di romantiche storie marinare e di aria salmastra, in questo itinerario che vi porta nei luoghi più significativi delle tradizioni marittime del paese.
1) CLYDEBUILT
– Museo che illustra la storia del fiume Clyde e delle tradizioni navali, coprendo un arco di tempo di tre secoli.

2) DENNY SHIP MODEL EXPERIMENT TANK
– Un salto indietro nel mondo dei costruttori navali dell’epoca vittoriana. La vasca, costruita nel 1882 per esperimenti con
modellini, è completamente restaurata e funzionante.
3) FALKIRK WHEEL
– La ruota di Falkirk è l’unico ascensore rotante per barche
esistente al mondo. Progettato per ricongiungere il canale Forth & Clyde con il canale Union.
4) SCOTTISH FISHERIES MUSEUM
– Il museo, dedicato all’industria scozzese della pesca, ne illustra la storia dalle origini più antiche fino a oggi. Il cottage di un pescatore, modelli di imbarcazioni, e imbarcazioni vere
e proprie nelle acque del porto.
5) ST. ANDREWS AQUARIUM
– L’acquario, situato in riva al mare, propone un percorso
attraverso una serie di vasche popolate da creature marine provenienti dalla Scozia e dal resto del mondo, ideale da visitare con tutta la famiglia.
6) DISCOVERY POINT
– Scoprite i legami tra Dundee e le esplorazioni antartiche del capitano Scott con la nave Discovery costruita nei cantieri di questa città e ora all’attracco nel suo porto di origine.
7) ABERDEEN MARITIME MUSEUM
– Testimonia la storia degli antichi e affascinanti legami di Aberdeen con il mare attraverso modelli di barche, oggetti ed esposizioni.
8) MUSEUM OF SCOTTISH LIGHTHOUSES
– Il museo dei fari scozzesi è situato all’interno del primo faro costruito in Scozia nel 1787.
Per immergersi nel mondo tecnologico e romantico dei primi fari della nazione. Le visite portano fino in cima al faro.
9) PASSEGGIARE A SANDEND
– Sandend è una bellissima e larga baia sabbiosa, una
delle più popolari spiagge della zona.
Incantevoli case di pescatori con un minuscolo porto.
10) BUCKIE DRIFTER
– Il museo delle tradizioni marittime di Buckie e dell’estuario del Moray illustra tra l’altro anche la storia dell’industria della pesca delle aringhe. Le esposizioni ricreano la vita del porto negli anni ‘20.
Per trovare un alloggio tra gli 8.000 di qualità  garantita elencati, dai Bed & Breakfast ai castelli,  visitate il sito: www.visitscotland.com/it 
Per informazioni, ispirazioni e altri itinerari  online visitate il sito:  www.visitscotland.com/it oppure https://www.visitbritain.com/it/it/