Crea sito

Val Martello (BZ): 13° Marmotta Trophy, 20 e 21 Febbraio 2021

LO SKI ALP IMPERA IN VAL MARTELLO
IL 20 E 21 FEBBRAIO APPUNTAMENTO DI COPPA

Il Marmotta Trophy nuovamente nel circuito di Coppa del Mondo
Sabato 20 gara sprint al Centro Biathlon Grogg, domenica la ‘Individual’
Confermato l’evento dalle autorità preposte, tampone preventivo per tutti
In Coppa del Mondo comandano i francesi, gli azzurri confidano nel terreno amico

 

Il nuovo lockdown della Provincia di Bolzano con il conseguente blocco di molte manifestazioni sportive aveva messo in apprensione gli organizzatori della Coppa del Mondo di ski alp della Val Martello, ma dalle autorità preposte e dalla Federazione internazionale ISMF c’è invece una conferma determinata: sabato 20 e domenica 21 febbraio i migliori skialper del mondo si sfideranno sulle nevi altoatesine per la 13.a edizione del Marmotta Trophy, nella prima giornata con una gara sprint, domenica invece con la classica ‘Individual’.

Tutto si svolge seguendo severi e particolari accorgimenti anti-Covid e tutti gli atleti e l’entourage saranno sottoposti a tampone preventivo.

Il comitato organizzatore, guidato da Georg Altstätter, sta rifinendo gli ultimi particolari, il direttore di gara Egon Eberhöfer invece con i sui collaboratori ha iniziato a “tracciare” il percorso.

La gara sprint si svilupperà interamente nell’area del Centro Biathlon Grogg. Una scarica di adrenalina di pochi minuti, e peccato per l’evento a porte chiuse perché lo spettacolo dalle terrazze del biathlon center sarà davvero ad alto livello. Il percorso è di 1000 metri con 80 m. di dislivello: partenza dal punto in cui solitamente scattano le gare di biathlon mass start, ma nel senso inverso, poi i concorrenti salgono sul versante di fronte alla palazzina del biathlon con una lunga serie di inversioni, un piccolo tratto a piedi, altro cambio di assetto, breve tratto con le pelli, poi giù a tutta verso lo stadio.

Domenica si ritorna al classico, la gara del resto è nel circuito di Coppa del Mondo per il quarto anno. La Val Martello, completamente priva di impianti, offre la propria montagna agli appassionati di sci e pelli che potranno godere di scenari affascinanti.

Start e finish sono posizionati come sempre presso l’ex Hotel Paradiso (2.088 m.), da dove gli atleti si dirigeranno verso il Rifugio Nino Corsi (2.700 m.) che offre la “cartolina” del Cevedale. Dopo una veloce discesa gli skialper rimetteranno le pelli per la seconda ascesa di gara verso il Rifugio Martello (2.600 m.). In quel punto i tracciati si dividono, perché i Senior e gli Under23 maschi affronteranno 18.5 km con dislivello di 1900 metri sommando 4 salite, 3 discese e due tratti a piedi. ‘Cima Coppi’ del Trofeo Marmotta per uomini U23 e Senior è la vedretta ‘Hohenferner’ a quota 3000.

Il tracciato per le donne Senior e Under23 e per gli Under20 maschi è un po’ meno impegnativo, ma si attesta comunque a 15,2 km e 1590 metri di dislivello. Infine per le Under20 donne tracciato di 12,75 km e 1180 metri di dislivello.

La Coppa del Mondo ha già celebrato tre tappe, la Val Martello sarà la quarta e nella generale ora comandano il francese Thibault Anselmet con 469 punti, mentre al femminile la leader di Coppa è la connazionale Axelle Gachet Mollaret con 474 punti. Anselmet vede il primo gradino del podio conteso dagli azzurri con Robert Antonioli a soli 20 punti, e con Magnini, Boscacci e il gardenese Alex Oberbacher alle calcagna.

Al femminile podio tutto internazionale. Alle spalle della francese ci sono la svedese Alexandersson e la svizzera Fatton. Dietro tre italiane: Veronese, De Silvestro e Martini, ma con distacchi marcati.

Va meglio nelle categorie giovanili, con gli italiani che puntano senza mezzi termini al titolo Under23 con Andrea Prandi e Giulia Murada e alla Under20 con Samantha Bertolina.

Insomma è un ‘semaforo verde’ ben meritato per la Val Martello, anche per il gran lavoro del gruppo di volontari che da questa occasione sfoggeranno la nuova divisa Karpos.

Per info: www.martell.it/marmotta-trophy


LA VAL MARTELLO OSPITA L’ISMF
IL MONDO SKIALP AL MARMOTTA TROPHY

Il ‘lockdown’ in Alto Adige non ferma la 13.a edizione del Marmotta Trophy
Sabato 20 febbraio gara ‘Sprint’, domenica 21 la ‘Individual’
Percorsi e distanze ‘Individual’ differenziati per categoria di appartenenza
Tanti nomi di spicco al Marmotta Trophy, con i campioni di Coppa del Mondo present

 

In Val Martello ormai tutto è pronto per accogliere la Coppa del Mondo di skialp, con il Marmotta Trophy giunto alla sua 13.a edizione e col programma confermato per sabato 20 e domenica 21 febbraio. Il tutto sarà necessariamente e doverosamente eseguito nel pieno rispetto delle norme anti-Covid, con la creazione della cosiddetta ‘bolla’ a garantire e salvaguardare la salute e la sicurezza degli atleti e dell’intera macchina organizzativa.

Ora sono ufficiali anche le adesioni, ben 13 le nazioni rappresentate all’evento altoatesino nonostante le limitazioni imposte dalla pandemia, e soprattutto ci saranno tutti i protagonisti di questa stagione e di quelle passate sia di Coppa del Mondo che del Campionato Mondiale. Sarà presente anche quel William Bon Mardion che, lasciato lo sci alpino da anni, si dedica con profitto allo skialp ed ha ‘firmato’ il Marmotta Trophy nel 2012 e nel 2015, replicando una doppietta con Laetitia Roux.

Saranno tanti i campioni che si sfideranno sulle nevi della Val Martello, con nomi di tutto rilievo a partire dai leaders di Coppa del Mondo, i francesi Thibault Anselmet e Axelle Gachet Mollaret. Non mancheranno nemmeno i protagonisti italiani a dare battaglia e a contendersi la vittoria fino all’ultimo metro: primo su tutti il pluri-titolato Robert Antonioli, ma a fargli compagnia ci saranno altri skialper di tutto rispetto come Davide Magnini, Michele Boscacci e Alex Oberbacher, senza dimenticare Matteo Eydallin che segue Magnini nella classifica Individual. Indubbiamente sulle montagne della Val Martello sarà una competizione accesa.

La sprint di sabato vedrà ancora Anselmet come uomo da battere, ma c’è chi punta anche sul fattore ‘casa’ per qualche azzurro, con Antonioli quinto nella Coppa di specialità.

Tutte confermate le protagoniste di Coppa del Mondo anche al femminile, con Axelle Gachet Mollaret in prima linea a difendere la sua leadership dalla svedese Tove Alexandersson che la insegue a 23 punti, con le due italiane Ilaria Veronese e Alba De Silvestro in 5.a e 6.a posizione.

Sabato alle 9 scatterà la gara ‘Sprint’ con partenza ed arrivo al Centro Biathlon ‘Grogg’ di Martello. Il percorso di 1 km consisterà di un’unica salita, in cui si dovrà affrontare anche un tratto a piedi, con un successivo cambio di assetto e con la discesa che tufferà i concorrenti al traguardo nel cuore del Centro Biathlon.

Domenica alle ore 9 invece avrà inizio la gara ‘Individual’ con i percorsi e le distanze differenziati per categoria: 18.5 km e 1.900 metri di dislivello per Senior e U23 uomini, 15,2 km e 1.590 metri di dislivello per Senior e U23 donne e U20 uomini, infine 12,75 km e 1.180 metri di dislivello per U20 donne. La partenza sarà posta all’ex Hotel Paradiso a quota 2.088 metri e vedrà subito la salita in direzione del Rifugio Nino Corsi (2.700 m). A seguire, la discesa porterà a valle dove sarà nuovamente tempo di rimettere le pelli sotto gli sci e risalire verso il Rifugio Martello (2.600 m). Da qui, i percorsi si dirameranno in tre varianti: Senior e U23 uomini saliranno fino alla vedretta ‘Hohenferner’ (3.000 m), sotto ‘Cima Marmotta’ da cui il nome della manifestazione, prima di riscendere lungo un ripido canalone, mentre U20 uomini e Senior donne e U23 donne percorreranno un breve tratto di salita per poi scendere a loro volta. Infine, le U20 femminili, una volta arrivate al check-point di Rifugio Martello, prenderanno subito la via con pendenze negative. Arrivati a valle, le fatiche non saranno concluse, anzi: un tratto in piano precederà la terza salita di giornata verso Punta Schran, dove una sezione da percorrere con gli sci in spalla, ben 200 metri di dislivello, precederà la salita con le pelli. Una volta in cima, le fatiche maggiori saranno finite, con la lunga discesa che avvicinerà gli scialpinisti verso il traguardo, ma per arrivarci si dovrà nuovamente mettere le pelli sotto gli sci per la salita conclusiva. Al termine della competizione si celebreranno i vincitori con le tradizionali ‘flower ceremony’.

Per info: www.martell.it/marmotta-trophy

Ti potrebbe interessare anche...