Crea sito

Villa Verucchio (Rn): sabato 20 giugno in Piazza Europa “Il cielo è sempre più blu” dei Kaimani Distratti

A VILLA VERUCCHIO “IL CIELO E’ SEMPRE PIU’ BLU”!

Sabato 20 giugno 2020, dopo il successo della riapertura del Teatro Pazzini, il Comune di Verucchio, con la collaborazione dei Fratelli di Taglia, è pronto ad accogliere un nuovo evento, con il concerto “Il cielo è sempre più blu” dei Kaimani Distratti con Massimo Modula, Giacomo DePaoli e Fabrizio Flisi. Una serata che vuole essere di buon auspicio, come suggerisce il titolo del concerto stesso, verso una riapertura del mondo della cultura a 360 gradi. I Kaimani Distratti porteranno in Piazza Europa a Villa Verucchio, un omaggio a tutto tondo ad un eroe a tempo perso, come amava definirsi Rino Gaetano, con l’intento di recuperare lo spirito originario dell’artista di origini calabresi cresciuto artisticamente sulla scena romana. Concerto-spettacolo, prevalentemente in acustico, in cui non mancheranno i suoi inni a leggendarie figure femminili come “Gianna”, “Berta filava” e “Aida”.

Sabato 20 giugno 2020 (ore 21,15) in Piazza Europa a Villa Verucchio, andrà in scena il concerto “Il cielo è sempre più blu” dei Kaimani DistrattiMassimo Modula (voce e chitarra), Giacomo De Paoli (percussioni) e Fabrizio Flisi (tastiere).

Una serata sotto le stelle, a ritmo di buona musica che vuole continuare sull’onda della riapertura del Teatro il 15 giugno scorso. Un nuovo segnale di speranza e di ripresa, proprio come il titolo del concerto (“il cielo è sempre più blu”), che ha l’intento di dimostrare la voglia del Comune di Verucchio di tornare protagonista del panorama culturale romagnolo, dimostrando di aver sempre avuto uno sguardo positivo verso il futuro.

A salire sul palco sabato saranno i Kaimani Distratti che si esibiranno in un concerto omaggio a Rino, cantastorie di culto, autore graffiante e appassionato. Una voce degli sfruttati e dei marginali, protagonisti di brani in cui l’ironia è la chiave di una denuncia sociale sempre puntuale. Una rigogliosa vena creativa, genuinamente anarchica, ricordata in modo non meno anticonformista e tagliente dai Kaimani Distratti con il loro “Il cielo è sempre più blu’”.

Concerto-spettacolo, prevalentemente in acustico, in cui non mancheranno i suoi inni a leggendarie figure femminili come “Gianna”, “Berta filava”, “Aida”, “Ahi Maria”, le invettive di “Nuntereggae più”, la solarità apparente di “Il cielo è sempre più blu” e l’amara malinconia di “Mio fratello è figlio unico” e “ A mano a mano”.
INGRESSO LIBERO posti limitati per misure di contingentamento anti coronavirus
Per informazioni e prenotazioni  320 5769769

Ti potrebbe interessare anche...