Crea sito

Torino: Tribes, spettacolo Flic con regia di Stevie Boyd, il 14 e 15 giugno 2019

“TRIBES”
Spettacolo finale degli allievi iscritti al primo anno del “Corso biennale di formazione per l’artista di circo contemporaneo” della FLIC Scuola di Circo di Torino
Regia di Stevie Boyd
Evento presentato in collaborazione con la Fondazione Piemonte Dal Vivo

14 e 15 giugno 2019 – ore 21:30
Spazio FLIC, via Niccolò Paganini 0/200, Torino | www.flicscuolacirco.it

Tribes è una creazione con regia di Stevie Boyd e con in scena i 18 allievi del primo anno del “Corso Biennale di Formazione per l’Artista di Circo Contemporaneo” della FLIC Scuola di Circo provenienti da Canada, Cile, Danimarca, Ecuador, Francia, Spagna, Svizzera, USA e da diverse regioni d’Italia.
Tra gli attrezzi e le discipline utilizzate nello spettacolo ci sono acrobatica a terra, danza, equilibrismo, bicicletta acrobatica, cerchio aereo, cinghie aeree, corda aerea, corda molle, giocoleria, palo cinese, roue cyr, ruota tedesca, scala acrobatica, trapezio e verticalismo.

BIGLIETTI:
Biglietti € 10,00 intero e € 5 ridotto.
Prenotazioni allo 011530217 o via e-mail a [email protected] da lunedì a venerdì ore 8 > 18


Le stagioni di spettacolo della FLIC Scuola di Circo terminano sempre dedicando ampio spazio agli allievi, attraverso la presentazione di creazioni personali e di spettacoli di fine corso diretti da registi esperti.

Venerdì 14 e sabato 15 giugno 2019 viene presentato TRIBES, spettacolo con regia di Stevie Boyd e in scena i 18 allievi del primo anno del “Corso Biennale di Formazione per l’Artista di Circo Contemporaneo” provenienti da Canada, Cile, Danimarca, Ecuador, Francia, Spagna, Svizzera, USA e da diverse regioni d’Italia.
Gli eventi vengono presentati in collaborazione con la Fondazione Piemonte dal Vivo, gli appuntamenti sono per ore 21:30 allo Spazio FLIC di via Niccolò Paganini 0/200 a Torino, i biglietti sono di euro 10 l’intero e euro 5 il ridotto prenotabili al numero di telefono 011530217 o scrivendo a [email protected]

TRIBES rappresenta per gli allievi del primo anno un ulteriore momento di confronto con il pubblico, oltre a quelli che hanno avuto durante la stagione grazie ai Circo in Pillole e ad altre iniziative.
È il loro primo studio collettivo guidato da Stevie Boyd, direttore artistico della FLIC.
Gli studenti hanno lavorato inizialmente in piccoli gruppi, utilizzando input creativi per creare materiale fisico da utilizzare nello spettacolo, per poi entrare tutti insieme in una settimana di intensiva di creazione.

Il regista racconta che “Tribes farà entrare il pubblico in un mondo delicato, pieno di divertimento e giochi, dove tutto non è come sembra con un gruppo variegato e curioso che scopre relazioni e interazioni tra loro e il loro mondo. Da un primo momento di innocenza, con ordine e giochi infantili, nel corso del tempo il loro mondo cambia per scoprire qualcosa che è più primitivo, più oscuro e malvagio. Vedremo insieme quale sarà il risultato delle interazioni tra essi e i loro giochi, come verranno creati nuovi equilibri e da quale parte starà il pubblico alla fine del gioco…”

Tra gli attrezzi e le discipline utilizzate nello spettacolo ci sono acrobatica, danza, equilibrismo, bicicletta acrobatica, cerchio aereo, cinghie aeree, corda aerea, corda molle, giocoleria, palo cinese, roue cyr, ruota tedesca, scala acrobatica, trapezio, verticalismo.

Di seguito i nomi dei 18 allievi con specialità e provenienze:
– Ávila Arias Jose Ignacio – corda aerea – Cile,
– Beltrami Maddalena – cinghie aeree – Italia (Toscana),
– Castiglia Nina – palo cinese – Italia (Sicilia),
– Conti Pietro  – verticali – Italia (Liguria),
– Crowden Sonny – cerchio aereo – Svizzera,
– Daviault Simone – ruota tedesca – Canada,
– Genevet Thomas – roue cyr – Francia,
– Girardi Francesco – giocoleria – Italia (Lombardia),
– Hewusz Julie – scala acrobatica – Francia,
– Jensen Thomas Grahndin – giocoleria – Danimarca,
– Laso Toro Anaflavia – palo cinese – Ecuador,
– Levrat Julie – trapezio – Svizzera,
– Morandi Morgana – cerchio aereo – Italia (Emilia),
– Notò Mora Aina – verticali – Spagna,
– Roach Meara – trapezio – USA,
– Stellino Roberto – corda molle – Italia (Sicilia),
– Thomer Marion – bicicletta acrobatica – Francia,
– Vos Mano – roue cyr – Svizzera.

Stevie Boyd – breve biografia
Stevie ha iniziato la sua formazione artistica a Galway nel 2004, lavorando e facendo volontariato con varie organizzazioni artistiche della città tra le quali Galway Community Circus e Macnas. Dopo un periodo in Spagna, dove si è avvicinato per la prima volta all’acrobatica aerea, è tornato a lavorare con GCC, dove ha incontrato la compagnia Fidget Feet. Qui ha iniziato un percorso di formazione dedicato al circo a tempo pieno, prima con Fidget Feet e poi con i loro insegnanti invitati come Fred Deb ‘e Sarah Poole.
Da lì, Stevie si è trasferito in Italia dove diplomandosi alla FLIC nel 2014. Dopo aver completato la sua formazione, ha iniziato a lavorare per varie compagnie, teatri, opere ed eventi in Italia, Francia, Germania, Repubblica Ceca e Portogallo, come il Teatro alla Scala di Milano, la Fondazione Carla Fendi, il Teatro del Sole, la Reggia di Venaria Reale, l’Armamaxa Teatro, l’ACTI Teatro, il Collettivo 320Chili, la Camara Boreal, la Kleinkunstriesen. Ha co-fondato due progetti collettivi dal 2013, il Collettivo SAK e la compagnia DueDa con la quale porta in scena attualmente lo spettacolo “Diverged”.
Stevie ha continuato ad allenarsi e a studiare le creazioni circensi con vari registi come Roberto Magro, Firenza Guidi, Alexandre del Perugia, Simon McBurney e nel 2018 ha conseguito un diploma in Circus Dramaturgy presso le scuole di circo del CNAC e dell’ESAC.
Dal 201 Stevie ha condotto numerosi workshop in Italia, in Francia, e dal 2014 insegna tecnica aerea (trapezio, cerchio, corde, funi e cinghie) al corso professionale della FLIC. Nel 2018 è diventato uno dei primi istruttori qualificati in acrobatica aerea in Italia per la Federazione Ginnastica Italiana. Dal 2016 ha iniziato a curare regie per diversi spettacoli della FLIC – Da Lola (2019), Moonlight Swing (2018), Identities (2018), Passaggi (2017), _working_title (2017), Cotillion (2016) – e nel 2018 è stato nominato direttore artistico della scuola.

IL “CORSO BIENNALE DI FORMAZIONE PER L’ARTISTA DI CIRCO CONTEMPORANEO”
Il programma di studi del Corso Biennale mira a dare all’allievo una solida formazione sulle materie fondamentali del circo contemporaneo, l’apprendimento delle basi delle discipline caratterizzanti, la seguente determinazione della propria specializzazione e una formazione di base sulle nozioni teoriche che contribuiscono a rendere completa la figura dell’artista del settore.
Il Corso si sviluppa in più di 3000 ore di lezione ed è basato su un piano di studi consolidato che prevede 7 ore di lezione quotidiane, dal lunedì al venerdì a frequenza obbligatoria.
Una parte importante del corso è costituita da stage intensivi di specializzazione della durata di una settimana ognuno, non solo sulle discipline circensi ma anche sulla danza nelle sue forme più contemporanee, sulla recitazione e sulla musica, che vengono periodicamente realizzati con insegnanti altamente qualificati.
Tutti gli allievi hanno la possibilità di cimentarsi periodicamente davanti a un pubblico grazie a “Circo in Pillole”, la rassegna tirocinio organizzata per permettere di sviluppare ed allenare la relazione con il palcoscenico.
Durante il biennio la FLIC dà inoltre la possibilità agli allievi di partecipare a grandi eventi e di entrare nei cast di importanti spettacoli grazie a collaborazioni varie con teatri, fondazioni e professionisti dello spettacolo dal vivo.
Il percorso formativo del primo anno prevede: miglioramento della preparazione fisica generale e specifica, un corretto apprendimento delle basi dell’acrobatica a terra, studio della danza classica e contemporanea, lezioni di attore di circo; lavoro sul collettivo scenico a partire dal movimento di creazione corale con l’aiuto di insegnanti e registi, scelta della specialità che approfondiranno nel corso del II anno.

Ti potrebbe interessare anche...