Crea sito

Castelfranco Emilia (MO): Mostra “Donne dell’Etruria Padana dall’VIII al VII secolo a.C. tra gestione domestica e produzione artigianale”, dal 15 febbraio al 10 marzo 2015

“Donne dell’Etruria Padana dall’VIII al VII secolo a.C. tra gestione domestica e produzione artigianale”.

dal 15 febbraio al 10 marzo 2015
Museo Civico Archeologico di Castelfranco Emilia con sede a Palazzo Piella
Corso Martiri 204
Castelfranco Emilia (Modena)
info 059 959367

 

La mostra propone un percorso sulla donna etrusca della prima età del Ferro ed è stata realizzata in collaborazione con la Soprintendenza per i Beni Archeologici dell’Emilia Romagna e il Museo Civico Archeologico di Bologna

La guida della mostra è curata da Luana Kruta Poppi e Diana Neri

 

In collaborazione con:

Fai Giovani delegazioni di Modena e Bologna, Ass. Forum Gallorum, Res Bellica, Az. Agr. Mongiorgi, A.p.S. Methlum Kainual

Con il patrocinio

dell’Istituto per i Beni Artistici Culturali e Naturali della Regione Emilia-Romagna

Info: http://www.archeobologna.beniculturali.it/mostre/castelfranco_donne_2015.htm

 

Promosso da: Museo Civico Archeologico di Castelfranco Emilia in collaborazione con la Soprintendenza Archeologia dell’Emilia-Romagna e il Museo Civico Archeologico di Bologna
Inaugurazione: domenica 15 febbraio 2015, ore 17
Alle ore 17, presentazione della mostra e saluti delle autorità presso il Teatro Dadà in Piazzale Curiel 26
Quando: da domenica 15 febbraio a domenica 15 marzo 2015
Orari: in via di definizione
La mostra apre su richiesta per gruppi e scolaresche anche in altri orari da concordare chiamando il Settore Tutela e Gestione Beni Culturali e Paesaggistici – Servizio Museo Civico Archeologico al numero 059 959367
Biglietto:

Ingresso gratuito

Prenotazione: 059.959367
Città: Castelfranco Emilia
Luogo: Museo Civico Archeologico
Indirizzo: Palazzo Piella in Corso Martiri 204
Provincia: Modena
Regione: Emilia-Romagna
Catalogo di mostra a cura di Luana Kruta Poppi e Diana Neri.
Le schede dei materiali delle tombe di via Sabotino e di Casalecchio così come i testi introduttivi e conclusivi sono di L. Kruta Poppi e D. Neri, mentre lo studio dei complessi di altra provenienza sono affidati a Anna Dore, Laura Bentini e Marinella Marchesi del Museo Civico Archeologico di Bologna

 

Ti potrebbe interessare anche...